Dati e ricerche In evidenza News

ADAC PiNCAMP, da Düsseldorf a Rimini fotografando le preferenze dei campeggiatori tedeschi

single-image

Dopo avere partecipato al Caravan Salon di Düsseldorf, ADAC PiNCAMP si prepara all’appuntamento italiano con il SIA Hospitality Design di Rimini, dal 12 al 14 ottobre. Nel frattempo, rivela alcuni dati interessanti sul mercato europeo del campeggio, soprattutto dal punto di vista della Germania. Innanzitutto, è in crescita la propensione al viaggio. Rispetto al 2019, oggi la grande maggioranza dei tedeschi può e vuole concedersi delle vacanze. Dal punto di vista economico, il 70% degli interpellati è in grado di concedersi un viaggio (contro il 62% del 2019) e il 72% ha il tempo per farlo (contro il 66% di tre anni fa). In più c’è anche un grande desiderio di realizzare la vacanza: 61% contro 57%. In questo contesto è aumentata la consapevolezza che si può spendere più che in passato e ad accettare questa visione è il 19% dei viaggiatori: rispetto al 2017 c’è stato un aumento del 58%.

Dalla Germania, il desiderio di viaggio verso i Paesi del Sud Europa è aumentato del 115% dal 2019 al 2022, con le mete preferite costituite da Italia (12%), Croazia e Francia (8% ciascuna) e Spagna (5%). Il 38 per cento dei tedeschi preferisce invece rimanere nel suo Paese. La durata media della vacanza con un veicolo ricreazionale intanto si allunga. In caravan, il 21% dei viaggiatori si sposta per un periodo che può durare più di un mese, percentuale che sale al 31% se si usa un camper. Interessante anche il dato sulla distanza percorsa e sui giorni che durante l’anno vengono destinati al viaggio. Chi si sposta con la caravan percorre in media 5.455 km in 47 giorni, mentre chi sceglie il camper si sposta per 10.771 km in 60 giorni.

Come già sottolineato in altre occasioni, la qualità media delle strutture ricettive è in aumento. Il numero totale di campeggi riconosciuti come ADAC Superplatz è cresciuto del 19% tra il 2021 e il 2022, con 158 campeggi contro 133 dell’anno prima. L’Italia guida questa classifica con 33 location, seguita da Francia (29), Croazia (21), Olanda e Germania (20 ciascuno), Spagna (16) e Austria (10). L’Italia si conferma come Paese più caro (in media 51,91 euro a notte, con una crescita del 4,1%), seguita dalla Croazia (50,96 euro, +8,7%), che ha superato la Svizzera (49,39 euro). La media di 36 paesi europei è di 30,63 euro, con un aumento del prezzo tra 2021 e 2022 contenuto nello 0,7%.

A livello di ricerche va segnalato che, sulla base dei dati di PiNCAMP, le ricerche di campeggi prenotabili sono quasi raddoppiate dal 24% del terzo trimestre 2020 al 46% del terzo trimestre 2021, mentre tra i criteri di scelta spiccano la possibilità di avere connettività Wi-Fi, strutture per la balneazione, prenotazione online (e relativo pagamento) e la presenza di negozi in loco.

You may also like