Dati e ricerche In evidenza News

Analisi dei prezzi PiNCAMP 2023: le vacanze in campeggio saranno più costose del 7% rispetto al 2022

L’attuale valutazione di PiNCAMP, il portale dei campeggi dell’ADAC, sull’andamento dei prezzi dichiara che i prezzi dei campeggi aumenteranno in media del 7% in tutta Europa, ma, nonostante questo, il campeggio rimarrà comunque una forma di vacanza accessibile.

single-image

L’analisi sull’andamento dei prezzi di PiNCAMP, il portale dei campeggi dell’ADAC, evidenzia che il costo per una notte in campeggio aumenterà in media del 7% in tutta Europa. Nonostante questo, il campeggio rimarrà comunque una forma di vacanza accessibile. Secondo questa valutazione, una famiglia di campeggiatori con un bambino di dieci anni pagherà in media 55,7 euro (l’anno precedente 52 euro) per un pernottamento in campeggio nell’alta stagione estiva, compresi piazzola, elettricità e docce calde. Inoltre, un confronto europeo tra le principali destinazioni di vacanza, ha mostrato come Germania e Svezia rimangano i paesi più economici per il campeggio, con un prezzo valutato da ADAC in 42,6 euro (Germania) e 39 euro (Svezia), come negli anni precedenti.

In Croazia e in Italia i campeggi più cari

La Croazia conquista la prima posizione nella classifica dei Paesi che hanno maggiormente aumentato i prezzi, con un +15%. Il rialzo è dovuto a due fattori in particolare: gli investimenti fatti per alzare il livello qualitativo e l’entrata del paese nell’unione Europea, con il conseguente cambio di moneta. La Svizzera ha aumentato solo leggermente i prezzi dei pernottamenti, del 2,5%, e si piazza al terzo posto dopo l’Italia. La Gran Bretagna, invece, è l’unico Paese europeo ad averli ridotti. Qui i prezzi dei pernottamenti sono scesi di quasi il 10%, a una media di 47,1 euro, in parte a causa dell’indebolimento della sterlina britannica.

Anche in Germania i prezzi aumenteranno

I prezzi dei campeggi In Germania aumenteranno in media dell’11% nel 2023. I campeggi più economici sono quelli della Turingia e della Renania Settentrionale-Vestfalia. In Turingia, i prezzi dei pernottamenti sono aumentati di poco meno del 3%, raggiungendo i 35,1 euro. In Renania Settentrionale-Vestfalia i prezzi sono addirittura scesi di mezzo punto percentuale, a 36,8 euro. Il Brandeburgo, la regione con la maggiore vocazione per il campeggio, vedrà invece un significativo aumento dei prezzi: 46,6 euro per pernottamento. Ciò corrisponde a un aumento del 24% rispetto all’anno precedente. Questo dato colloca il Brandeburgo al secondo posto, dopo il Meclemburgo-Pomerania Occidentale, nella classifica dei prezzi delle regioni in cui si pratica il campeggio. Uwe Frers, esperto di campeggi e amministratore delegato di ADAC Camping, spiega l’aumento dei prezzi con il rapido aumento della domanda e con lo sviluppo dei costi energetici e del personale: “Gli adeguamenti dei prezzi sono comprensibili e vengono accettati dai campeggiatori. Lo dimostrano i dati delle nostre prenotazioni. La Germania rimane uno dei paesi più popolari e più economici per i campeggiatori europei“.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

You may also like