Dati e ricerche In evidenza News

Dal 5° Sondaggio Turisti di CampingVillage.Marketing emerge la voglia di vacanza degli italiani

single-image

Per la quinta volta CampingVillage.Marketing ha sondato gli umori dei campeggiatori italiani per seguire l’evoluzione delle loro aspettative ed abitudini. Sono stati più di mille i viaggiatori interpellati nel corso di due settimane nel mese di febbraio per il “Sondaggio Turisti 2022”.

Il campione è molto profilato e totalmente inerente al turismo en plein air, composto sia da clienti storici sia da persone che si sono avvicinate a questo tipo di vacanza nel 2020 e 2021. Nello specifico si tratta di utenti che conoscono i portali del network CampingVillage.Travel o la relativa pagina Facebook, turisti che amano le vacanze all’aria aperta, intercettati tramite campagne social create ad hoc e di viaggiatori affezionati al settore che partecipano a blog e gruppi di discussione sui social.

Quasi tutti vogliono viaggiare

Il primo dato che balza all’occhio è che il 51,70% dei turisti interpellati si è detto sicuro di viaggiare nel corso dell’estate 2022. È un numero molto positivo, che si unisce al fatto che tutti gli intervistati, nessuno escluso, vogliono comunque concedersi un periodo di vacanza. Solo il 6,8% ha dichiarato che poco probabilmente andrà in vacanza quest’anno, ma questa percentuale lo scorso anno era del 20,8%.

Rispetto al periodo della vacanza, è interessante notare che il 38,6% ha espresso l’intenzione di sfruttare più di un periodo di riposo. I mesi centrali dell’estate restano i più gettonati, ma spiccano dati interessanti al confronto con lo scorso anno. I turisti che aspettano la primavera per godersi una prima vacanza all’aria aperta salgono dal 17,50% al 33,90%, l’autunno diventa un’opzione di viaggio per il 16,20% (contro il 10,10% del 2021) e chi pensa di organizzare una vacanza invernale in un camping village aumenta dal 5,50% al 9,40%.

Il mare è sempre in testa

Potendo scegliere tra più risposte, le preferenze assolute vanno ancora alle località di mare, seguite a distanza dalla montagna e dal lago. Stabili rispetto al 2021 le città d’arte e i borghi. Un elemento da non sottovalutare è che il 64,30% dei turisti è già alla ricerca di idee e soluzioni di viaggio per le sue prossime vacanze, mentre il 26,5 per cento è in attesa che la situazione generale sia più chiara.

Nel sondaggio completo si trovano utili indicazioni anche su dove e come i turisti si informano sulle strutture ricettive (prevalentemente online), sull’attitudine a cambiare meta (opinione più diffusa) piuttosto che a tornare nello stesso posto, su quali sono gli elementi più importanti che guidano nella scelta del luogo di soggiorno (prezzi e condizioni di prenotazione). Nel Sondaggio Turisti 2022 si evidenza anche come circa la metà dei turisti (50,70%) sia intenzionato a prenotare una casa mobile o un bungalow. La ricerca completa, che può essere scaricata gratuitamente (previa registrazione), è disponibile a questo link.

You may also like