News Prodotti e Produttori

Easytex: ecco come proteggersi dalle infestazioni di cimici dei letti

single-image

Le cimici dei letti sono ospiti molto sgraditi. Nelle strutture ricettive in particolare è necessario fare di tutto sia per prevenire un’eventuale infestazione sia per gestirla. In questo articolo vediamo i consigli di Easytex, azienda specializzata in soluzioni tessili per il settore ricettivo.

Come sapere se ci sono cimici dei letti?

Ecco un insetto di cui vorremmo fare a meno, diventato l’incubo dei campeggi e dei loro clienti. La cimice dei letti è un insetto ematofago (succhiatore di sangue) che può sopravvivere senza nutrirsi per un anno e mezzo, provocando prurito e dermatiti in chi attacca. Se è presente nei campeggi non è perché necessitino di maggiore igiene, ma perché i viaggi sono la prima causa della sua proliferazione. La cimice dei letti si nasconde nei bagagli e nei mezzi pubblici. E il letto è dove le piace nidificare e nutrirsi poiché gli umani trascorrono un terzo della loro giornata a letto.

Per una struttura ricettiva, impedire la presenza e la proliferazione di questo insetto rappresenta un problema sanitario ed economico rilevante. Ecco come rilevare la presenza delle cimici dei letti, impedirne l’insediamento e contrastarne la proliferazione.

Quali sono le caratteristiche delle cimici dei letti e delle loro uova?

Una cimice dei letti misura tra i quattro ei sette millimetri. Basti pensare che, senza un attento esame, non è sempre facile individuarla, ma è comunque visibile a occhio nudo. Si nutre di sangue e quindi ha un colore che tende al rosso e al marrone. La cimice dei letti non è né un insetto saltatore né volante. I suoi movimenti sono simili a quelli di una formica. Le uova assomigliano a chicchi di riso: sono di due millimetri al massimo, bianche e spesso in grappoli di quattro o cinque.

Come rilevare la loro presenza?

Certo, non tutti passano il tempo ogni giorno a controllare lenzuola e materassi per la presenza di cimici dei letti. Per questo, molto spesso, la loro presenza viene rilevata dalle tracce che lasciano sul corpo. Il morso è indolore e si verifica durante la notte. È solo al mattino che una persona può avvertire prurito, che si attenuerà, e quindi non capire immediatamente di essere stato vittima di cimici dei letti.

I morsi, solitamente raggruppati in tre o quattro, lasciano segni rossi sulle parti esposte del corpo. Tracce che svaniscono in una decina di giorni. Quando si sospetta che queste tracce sul corpo provengano da cimici dei letti, iniziamo a cercare la loro presenza nel letto.

Per un professionista dell’ospitalità è fondamentale rilevare preventivamente questa presenza. Per questo è necessario controllare le pieghe del materasso, la rete e le lenzuola. Gli escrementi delle cimici dei letti lasciano segni neri, e piccole tracce di sangue possono comparire anche sulle lenzuola se una cimice è stata schiacciata durante la notte.

Sono pericolosi per la salute?

Le cimici dei letti non rappresentano di per sé gravi rischi per la salute e non ci sono prove che possano trasmettere gravi infezioni agli esseri umani. Tuttavia, alcuni individui possono sviluppare reazioni allergiche che richiedono cure mediche. Le preoccupazioni principali causate dalle cimici dei letti rimangono quindi il disagio causato dalle punture, il potenziale stress legato all’idea di essere punto e il rischio di insonnia che provoca.

Per un professionista combattere la presenza delle cimici dei letti significa offrire una promessa di benessere alla propria clientela, prendersi cura della loro salute, ma anche evitare di trasmettere un’immagine degradata che, inevitabilmente, si ripercuote sull’attività.

Quali soluzioni per eliminare/prevenire le cimici dei letti?

1 – Soluzioni difensive: da mettere in atto in caso di infestazione di cimici dei letti

Le lenzuola devono essere rimosse e lavate a 60°; il resto della biancheria da letto, i mobili e le tende vanno passati con aspirapolvere o trattati con vapore. Per un trattamento ancora più radicale, soprattutto se si è professionisti del settore, meglio non esitare e rivolgersi a un’azienda specializzata. Il vincolo è che tale approccio comporta due interventi separati a distanza di 15 giorni, il che rende impossibile affittare la camera o le strutture interessate. Ma, a medio e lungo termine, il gioco vale la candela.

Inoltre, se ci si è accorti della presenza di questi parassiti e si teme di non riuscire a eliminarli da un materasso, è possibile ricorrere un rinnova-materassi anticimice. È una soluzione ragionevole, efficace, semplice ed eco-responsabile. Il sistema assume la forma di una copertura protettiva, che fodera completamente il materasso, e che quindi intrappolerà i parassiti. Incapaci di uscire o mordere per il cibo, le cimici dei letti alla fine moriranno, nonostante la loro resistenza. Inoltre, il Coprimaterasso con Cerniera evita di sostituire un materasso, ed è quindi molto più economico.

2 – Soluzioni preventive: da mettere in atto per evitare l’infestazione delle cimici dei letti

Per prevenire questo rischio, le strutture ricettive possono adottare dei porta-valigie nelle camere e attraverso diversi mezzi di comunicazione invitare i clienti a evitare di appoggiare valigie e borse sui letti. Se non è stata rilevata la presenza di cimici dei letti, la fodera protettiva permetterà di mantenere il materasso al sicuro. I letti sono infatti il luogo dove nidifica il 70% delle cimici.

2 Comments
  1. Can you tell us more about this? I’d care to find out
    some additional information.

  2. I like the valuable info you provide in your articles. I’ll bookmark
    your weblog and check again here regularly. I am quite sure I’ll learn plenty of new stuff right here!
    Best of luck for the next!

Leave a Comment

Your email address will not be published.

You may also like