In evidenza News

FAITA: una lettera di Granzotto riassume cosa si è fatto nel 2023 ed evidenzia le sfide del 2024

single-image

Il sito Camping Management ha recentemente pubblicato una lettera del presidente di FAITA-Federcamping, Alberto Granzotto, in cui vengono riassunti i principali temi trattati nel corso dell’anno e le sfide che il settore turistico-ricettivo dovrà affrontare nel futuro prossimo.

Carissimi colleghi e colleghe,” ha esordito Granzotto, “stiamo per concludere un anno di intensa attività. L’impegno della Federazione si è concentrato su tematiche fondamentali per il futuro del nostro settore: concessioni demaniali, installazione dei mezzi mobili di pernottamento, affermazione del comparto open-air quale componente fondamentale e strategica della filiera turistico-ricettiva nazionale hanno contraddistinto le nostre attività istituzionali. La partecipazione di FAITA ai tavoli tecnici e politici si è orientata al conseguimento di un unico obiettivo: rendere visibile e concreto l’impatto economico, sociale e occupazionale generato dalle oltre 2.500 imprese del settore a dai loro 1.350.000 posti letto.

Un comparto dinamico e promettente

Il presidente Granzotto ha sottolineato come la pubblicazione di studi e ricerche, sviluppati in collaborazione con enti e università, abbia evidenziato la rilevanza del settore open-air. Campeggi e villaggi offrono oggi una nuova filosofia di vacanza, contraddistinta da sostenibilità, accessibilità e, soprattutto, qualità.

Nell’interazione con il Ministero del Turismo, FAITA ha cercato di raccontare uno storytelling efficace, realistico ed emozionale, rappresentando il comparto turistico-ricettivo come il più dinamico e promettente. La partecipazione a eventi e fiere del settore a Napoli, Riva del Garda, Parma e Rimini ha contribuito alla promozione del comparto open-air, diffondendo la “cultura” del turismo all’aria aperta.

Il presidente ha rimarcato il successo della stagione 2023, ma ha altresì richiesto maggiore attenzione alle ragioni di tale successo: l’imprenditorialità, l’innovazione del prodotto, la capacità di comprendere le esigenze dell’ospite e la consapevolezza dell’importanza del capitale umano.

Le sfide future

Per il futuro, il progetto FAITA Open Air 2030 è stato menzionato come un’iniziativa significativa per valutare la sostenibilità, l’accessibilità e la gestione delle risorse umane nel settore. Il presidente Granzotto ha anche espresso l’auspicio di procedere al rinnovo del CCNL, cercando di rendere l’occupazione nel settore sempre più attraente, specialmente per i giovani. Tuttavia, ha sottolineato che sfide come l’incertezza normativa e la mancanza di linee programmatiche per uno sviluppo turistico d’insieme potrebbero rallentare il consolidamento del comparto.

Il presidente ha concluso la lettera auspicando una collaborazione continua per affrontare le sfide future e augurando a tutti serene festività e un felice anno nuovo.

La lettera integrale di Alberto Granzotto è pubblicata sul sito Camping Management.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

You may also like