In evidenza News

Germania: cauto ottimismo da parte della BVCD per il resto della stagione

single-image

In Germania le prospettive del settore campeggi sono orientate a un cauto ottimismo. Un’analisi realizzata dalla BVCD (l’associazione federale che raggruppa i camping tedeschi) mostra prospettive variegate in funzione della regione di appartenenza. In generale, al momento non si può parlare di bilancio positivo, e solo dopo il periodo autunnale sarà possibile tirare le somme, anche se difficilmente il pessimo inizio dell’anno potrà essere completamente compensato.

La stagione era per altro iniziata molto bene, con il numero dei pernottamenti che nel mese di febbraio aumentato del 23%. Con l’arrivo dei blocchi causati dalla pandemia il settore ha però mostrato numeri decisamente negativi. Secondo l’Ufficio federale di statistica tedesco, i campeggi hanno registrato complessivamente il 58% di pernottamenti in meno nei primi cinque mesi dell’anno. Come detto all’inizio, però, la situazione varia molto a seconda della zona. La Bavaria, area leader per il turismo all’aria aperta, aveva perso a fine maggio circa l’87% dei pernottamenti, mentre Schleswig-Holstein e Nord Reno-Westfalia hanno registrato un calo limitato al 9% circa. Sorprendentemente, la Turingia è stato l’unico stato federale in grado di terminare con un segno positivo, registrando circa il 9% in più di pernottamenti. In totale, rispetto al 2019, il calo è stato del’11%.

La tendenza attuale è quella di una forte espansione, ma secondo la BVCD solo un quinto dei campeggi tedeschi segnala il “tutto esaurito”. Per i mesi di luglio e agosto, il 40% delle strutture prevede di fare meglio dello scorso anno, mentre il 20% si attende risultati inferiori. In generale, però il 75% ritiene che le perdite registrate in primavera non potranno essere compensate dal buon andamento dell’ultima parte della stagione. La cosa fondamentale è che non si registrino nuovi blocchi legati al Coronavirus, perché questo potrebbe costare posti di lavoro.

Ovviamente non sappiamo come si svilupperà la pandemia, se ci sarà una seconda ondata e quali eventuali restrizioni verranno applicate,” ha dichiarato Gunter Riechey, presidente del BVCD. “I nostri campeggi fanno ogni sforzo per rispettare le regole e chiedo a tutti gli ospiti di fare altrettanto. Viste le condizioni, penso che ci siano buone possibilità che le perdite subite nella prima metà dell’anno possano essere recuperate, anche se in alcune regioni questo non sarà possibile”.

You may also like