In evidenza News

Il Sett ottiene il riconoscimento di sostenibilità LEAD, pensato per la progettazione di eventi responsabili

single-image

Gli organizzatori del Sett di Montpellier, leader europeo dei saloni professionali dell’ospitalità all’aria aperta giunto alla sua 44esima edizione, hanno annunciato di avere ottenuto il riconoscimento di sostenibilità LEAD (Label Événement à Ambition Durable). Impegnati in un approccio eco-responsabile sin dal 2021, vedono così premiato il loro impegno con l’assegnazione di una medaglia di bronzo. Creato su iniziativa di Green Événements ed SGS, il marchio LEAD aiuta le organizzazioni a progettare eventi responsabili e promuoverli efficacemente.

Ispezione e certificazione sono realizzate da un ente terzo indipendente, SGS, leader mondiale nei test. Il marchio LEAD è stato creato da Green Événements attorno a tre obiettivi: zero rifiuti, basse emissioni di carbonio e impatto sociale positivo. Semplice e oggettivo, LEAD si basa su 12 criteri e permette di puntare all’eccellenza sostenibile grazie ad indicatori numerici.

Sei criteri soddisfatti completamente

Il Sett ha ottenuto la medaglia di bronzo soddisfacendo con successo sei criteri: ecoprogettare l’evento, trasformare i suoi rifiuti in risorse, misurare e ridurre al minimo la sua impronta di carbonio, partecipare all’integrazione professionale di persone non occupate e ridurre le barriere architettoniche. Ha anche dimostrato la sua capacità su altri due criteri: la promozione della parità professionale e la valorizzazione delle eccedenze alimentari.

Il Sett ha ottenuto risultati particolarmente rilevanti nell’integrazione delle persone non occupate raggiungendo la quota del 10% in termini di forza lavoro presente al salone. Per arrivare a questo risultato, gli organizzatori hanno raggiunto accordi con aziende come Table de Cana, che lotta contro l’esclusione sociale promuovendo il lavoro delle persone indigenti o senza lavoro da molto tempo.

Oltre alla lotta allo spreco alimentare, il Sett ha pianificato insieme all’azienda Les Alchimistes una raccolta dei rifiuti organici affinché possano essere trasformati in compost. Inoltre, gli organizzatori hanno condotto un’ampia campagna di sensibilizzazione tra gli espositori, ma anche tra i visitatori, per informarli sull’impronta di carbonio dei loro viaggi e dei mezzi di trasporto utilizzati per raggiungere la fiera. Sono stati ampiamente utilizzati gli incentivi per il car pooling e l’uso dei trasporti pubblici.

Attenzione all’inclusione

Anche l’inclusione è al centro delle attenzioni degli organizzatori, che hanno prestato particolare attenzione al comfort di tutti i visitatori con la traduzione dei menù dei ristoranti in Braille, prevedendo l’accessibilità alle persone con disabilità, ma anche creando una sala relax per coloro che hanno bisogno di allontanarsi dalla folla per un momento di calma.

Il certificato LEAD ha requisiti stringenti perché consente una trasformazione profonda e duratura delle modalità di progettazione e di acquisto,” ha detto Elise Legris di Green Evénements. “La metodologia fornita crea valore per gli eventi e il loro pubblico. Il Sett dimostra che trovare soluzioni sostenibili è possibile. Siamo convinti che il marchio LEAD cambierà in modo permanente le abitudini degli organizzatori integrando eco-design e riduzione dell’impatto come prerequisiti essenziali per tutte le organizzazioni di eventi”.

Impegnati in un processo di miglioramento continuo, gli organizzatori di Sett non intendono fermarsi qui. Già da diversi anni stanno lavorando al riciclo dei 14.000 metri quadri di moquette utilizzati per organizzare la manifestazione. Sono in corso contatti con diversi fornitori di servizi per garantire la cura e la gestione di queste quattro tonnellate di rifiuti sulle cento prodotte complessivamente a ogni edizione. Da notare che nel 2023 il salone sta già mostrando ottime prestazioni con solo il 4,76% di rifiuti non riciclati.

Grazie agli organizzatori di fiere come Sett, ora sono coperti tutti i tipi di eventi, da quelli B2B a quelli per pubblico in generale, compresi seminari, convegni, festival, fiere e così via,ha aggiunto Joanna Hayot di SGS. “Notiamo il desiderio degli organizzatori di fare dei loro incontri un punto culminante della loro comunicazione per dimostrare la loro natura esemplare e il loro desiderio di partecipare allo sforzo collettivo. L’evento responsabile è una realtà per gli attori coinvolti”.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

You may also like