In evidenza News

Numeri da record, nel primo semestre 2022, per l’industria del campeggio in Germania

single-image

I primi sei mesi del 2022 segnano un aumento di oltre l’11% dei pernottamenti nei campeggi tedeschi, superando così i numeri del primo semestre del 2019, anno di riferimento prima della pandemia. Un ottimo dato che se confermato anche in termini assoluti alla fine dell’anno, dimostra ancora una volta quanto il campeggio sia una scelta perseguita da sempre più persone, ispirata dal desiderio di vivere all’aperto il più possibile.

La maggior parte dei pernottamenti (92%) è attribuibile ai campeggiatori tedeschi, mentre i Paesi Bassi(460.000 pernottamenti), seguiti dalla vicina Svizzera (220.696 pernottamenti) e dal Belgio (58.130 pernottamenti), rimangono il mercato di provenienza estero più importante per l’industria del campeggio in Germania.

Christian Günther, direttore generale dell’Associazione federale dell’industria del campeggio in Germania (BVCD), che attualmente rappresenta più di 1.200 campeggi, ha commentato così questi 14.220.927 pernottamenti, “E’ difficile fare previsioni per la seconda metà dell’anno. L’attività durante le vacanze estive è variata da regione a regione e, alla luce delle previsioni incerte e degli attuali oneri per i consumatori, guardiamo all’autunno con aspettative più contenute”. Nello specifico, la Baviera rimane in testa alla classifica degli Stati federali con oltre 2,6 milioni di pernottamenti. Seguono la Bassa Sassonia (2.166.550 pernottamenti) e lo Schleswig-Holstein (1.902.499 pernottamenti).

You may also like