In evidenza News

In Lombardia arrivano 30 milioni a fondo perduto per supportare lo sviluppo delle strutture ricettive

Il provvedimento di stanziare 30 milioni in favore del comparto turistico lombardo è stato approvato dalla Giunta Regionale su proposta dell’assessore al Turismo, Marketing territoriale e Moda, Lara Magoni.

single-image

Il provvedimento di stanziare 30 milioni in favore del comparto turistico lombardo è stato approvato dalla Giunta Regionale su proposta dell’assessore al Turismo, Marketing territoriale e Moda, Lara Magoni. Nel prossimo futuro, infatti, questo territorio sarà ancora più nevralgico. “Anche in vista degli importanti eventi internazionali che ci attendono, da Bergamo Brescia Capitale Italiana della Cultura alle Olimpiadi 2026,” ha affermato Lara Magoni. “Spero che gli operatori del settore sappiano cogliere al volo questa opportunità”.

Chi potrà beneficiare dello stanziamento

Le strutture ricettive a cui è indirizzato questo aiuto sono le micro, piccole e medie imprese: in particolar modo strutture ricettive alberghiere (alberghi o hotel, residenze turistico alberghiere, condhotel, alberghi diffusi) e ricettive non alberghiere (villaggi turistici, campeggi, aree di sosta, foresterie, locande, case appartamento vacanza in forma imprenditoriale, rifugi, ostelli per la gioventù, case per ferie). L’agevolazione, a fondo perduto, coprirà fino al 50% delle spese sostenute secondo quanto previsto dal regime di aiuti applicabile. Tra le spese ammissibili ci sono arredi, macchinari, attrezzature hardware e software, opere edili-murarie e impiantistiche.

La misura mira a promuovere gli investimenti per lo sviluppo competitivo e sostenibile delle imprese turistiche. Risorse necessarie per elevare qualitativamente l’offerta ricettiva della nostra regione; e aiutare allo stesso tempo imprenditori alle prese con il caro bollette, già provati duramente dagli anni della crisi da pandemia”, ha aggiunto l’assessore regionale Lara Magoni.

 

You may also like