In evidenza News

Piogge e inondazioni, la FNHPA partner della campagna di prevenzione lanciata dal Governo francese

single-image

In un contesto di cambiamenti climatici come quello che stiamo vivendo, in cui il rischio di eventi estremi è in aumento, la Fédération Nationale de l’Hôtellerie de Plein Air (FNHPA) ha aderito all’8^ campagna di prevenzione in caso di piogge e inondazioni. L’iniziativa ha l’obiettivo di sensibilizzare le persone sui comportamenti corretti da adottare durante episodi di forti piogge e alluvioni improvvise.

Incendi e alluvioni, si ricorderà, hanno funestato l’estate francese del 2022 e, in misura minore ma pur sempre preoccupante, anche quella 2023. In queste occasioni, diversi campeggi hanno subìto danni ingenti e si sono rese necessarie azioni di soccorso per le migliaia di persone che si sono trovate in pericolo.

La conoscenza dei buoni comportamenti da adottare in circostanze del genere è dunque di fondamentale importanza. Per questo, la FNHPA invita i suoi membri situati nelle regioni più esposte a episodi di piogge intense (come quelle costiere del Mediterraneo) a diffondere i messaggi relativi ai comportamenti corretti da adottare.

Comportamenti corretti salva-vita

La campagna – che si svolge dal 30 agosto al 30 novembre 2023 – è stata lanciata dal Ministero della Transizione Ecologica e della Coesione del Territorio, in collaborazione con i Ministeri dell’Interno e dell’Oltremare. Sul sito del Ministero della Transizione ecologica si trovano tutte le informazioni e i consigli per farsi trovare pronti in caso di alluvioni improvvise e pericolose.

Ecco alcuni esempi dei comportamenti corretti che possono salvarci la vita:

  • Non spostarsi a piedi o in auto (30 cm di acqua sono già sufficienti a trascinare via un’automobile)
  • Lasciare i figli in sicurezza a scuola
  • Restare o rientrare in un edificio e cercare rifugio al piano superiore
  • Spegnere, se possibile, gas, elettricità e riscaldamento
  • Non scendere nei seminterrati o nei parcheggi sotterranei
  • Allontanarsi dai corsi d’acqua, dalle rive e dai ponti
  • Per evitare i fulmini, non rifugiarsi sotto un albero
  • Restare informati e attenti alle istruzioni dei soccorsi e del nostro comune
  • Preoccuparsi delle persone vulnerabili e isolate privilegiando gli SMS per lasciare liberi i canali di comunicazione per i soccorsi

Un altro consiglio è quello di preparare e conservare in casa un kit di emergenza da 72 ore che permetta di restare in sicurezza in attesa dei soccorsi. Il kit dovrà contenere, ad esempio, acqua e cibo, una torcia, una radio, medicamenti di primo soccorso, le fotocopie dei documenti di identità e dei vestiti caldi. Una volta all’anno, è essenziale controllare il contenuto del kit, in particolare le scadenze dei medicinali e degli alimenti, e sostituire le batterie degli apparecchi.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

You may also like